Bertozzi & Casoni. Tranche de vie

Imola dedica ampio spazio al celebre duo artistico, con un evento espositivo che coinvolge tutti e tre i musei pubblici imolesi: Palazzo Tozzoni, Museo San Domenico e Rocca Sforzesca.

 

Bertozzi & Casoni hanno rivoluzionato il ruolo della ceramica nell’arte contemporanea. Con le loro stupefacenti creazioni si sono imposti come dei veri e propri Rule Breakers, degli scardinatori di regole e di tradizioni. Senza mai tradire il loro approccio fieramente “artigianale”, si sono buttati alle spalle tanti preconcetti e tanti limiti autoimposti della ceramica artistica, ponendole nuovi obiettivi e facendola uscire dagli steccati di una disciplina un po’ marginale per condurla fin nei piani alti della grande arte che conta.

 

Con questa mostra, curata da Diego Galizzi, direttore di Imola Musei, la città che da più di quarant’anni è la sede delle loro creazioni vuole dedicare a Bertozzi & Casoni un importante e doveroso tributo, facendo dei propri musei civici il teatro di un evento espositivo diffuso che ne celebra il genio artistico e ne racconta, quasi in qualità di testimone, il percorso che li ha portati a crescere e affermarsi. Il particolare legame tra la città e gli artisti, oltre che la recente scomparsa di uno dei due componenti del sodalizio artistico, Stefano Dal Monte Casoni, fanno di questo evento espositivo un qualcosa di speciale, dai risvolti umani oltre che artistici e culturali.

 

 

Il cuore del progetto espositivo – che si sviluppa in tre distinte sezioni ognuna in uno dei musei imolesi – si svolge nei sontuosi saloni di Palazzo Tozzoni (“Tranche de vie”). Qui le opere di Bertozzi & Casoni dialogano con gli ambienti e le suppellettili originali del palazzo, in un percorso di evocazione e riattualizzazione della vita quotidiana dei conti Tozzoni attraverso le spiazzanti trovate creative del duo artistico. La propensione allo stupore, l’innato senso di ironia e il linguaggio orientato a una mimesis spericolata e accattivante trovano in questo splendido scenario un’occasione unica per slanciarsi in un mirabile gioco di scambio tra realtà e finzione. Ciò che a Palazzo Tozzoni si mette in scena non è una mostra tradizionale, piuttosto una grande installazione corale orientata allo spaesamento, un vero e proprio “laboratorio del dubbio”.

 

 

In nuce. 1980-1997”, la sezione allestita nel quadriportico del Museo San Domenico, è invece un percorso tutto improntato alla narrazione. Una mostra inedita, che per la prima volta vuole raccontare – in un certo senso – Bertozzi & Casoni prima di Bertozzi & Casoni, prima cioè che la messa a punto di quel linguaggio così originale e di rottura che oggi caratterizza inequivocabilmente il duo imolese facesse erompere la loro proposta artistica in qualcosa di più ampio e universalmente riconosciuto. Ricca di una sessantina di pezzi, la mostra mette in luce le ricerche e le fasi espressive degli artisti a partire dai primi anni Ottanta fino all’incirca alla metà degli anni Novanta. Punto d’approdo della mostra è la svolta degli anni 1997-98, a cui Bertozzi & Casoni giungono con opere che si fanno via via più monumentali e aperte a materiali nuovi e a lavorazioni più complesse. Lavoro emblematico di questo passaggio a una nuova fase è “Scegli il paradiso” (1997), opera scenografica e piena di significati simbolici che i visitatori possono ammirare al piano superiore del museo, nelle collezioni permanenti.

 

 

Terza e ultima sezione è la scenografica installazione “La morte dell’eros” all’interno della torre sud-est della Rocca Sforzesca. In occasione della mostra giunge a compimento uno dei progetti più lunghi e travagliati di Bertozzi & Casoni. Concepita già nel 2000, l’opera ha rappresentato per anni una vera sfida inventiva e tecnica per gli artisti. Sotto la secolare volta in mattoni, immerso in un’atmosfera spoglia e austera, si consuma il suicidio dell’eros, rappresentato dagli artisti in forma di fauno, emblema della pulsione erotica. Una visione drammatica e di grande impatto, ulteriore prova di una delle tematiche più distintive degli artisti, quella dei memento mori.

 

 

Bertozzi & Casoni. Tranche de vie
Imola (BO), 28 ottobre 2023 – 25 febbraio 2024
Finissage domenica 25 febbraio 2024 ore 17 presso Cooperativa Ceramica d’Imola

a cura di Diego Galizzi

 

Progetto espositivo diffuso nei tre musei pubblici imolesi
Sezione #1: “Tranche de vie” (Palazzo Tozzoni)
Sezione #2: “In nuce. 1980-1997” (Museo San Domenico)
Sezione #3: “La morte dell’eros” (Rocca Sforzesca)

 

Organizzazione: Città di Imola / Imola Musei
Partner principale: Cooperativa Ceramica d’Imola
Patrocini: Ministero della Cultura; Regione Emilia-Romagna; EPCF – European Parliament Ceramics Forum
Con il contributo di: Fondazione Cassa di Risparmio di Imola
Con il supporto di: Con.Ami; Confartigianato Bologna Metropolitana; Hera S.p.A.
Media partner: Finestre sull’Arte

 

 

Il progetto espositivo è stato realizzato anche con il contributo della L.R. 2/2022

 

   

 

 

Per maggiori informazioni scarica la biografia Bertozzi & Casoni

 

Clicca qui per scaricare il pieghevole della mostra

 

 

Attività correlata

 

 

Dal 28.10.2023

al 25.02.2024

Informazioni utili

 

Orari di apertura dal fino al 18.02.24
giovedì e venerdì 15-19
sabato e domenica 10-13, 15-19

 

Orari di apertura dal 19.02.24 al 25.02.24
giovedì e venerdì 15-22
sabato 10-22
domenica 10-19

 

Orari di apertura dal 26.02.24
venerdì 15-19
sabato e domenica 10-13 e 15-19

Costi
1 museo 4 €
2 musei 6 €
3 musei 8 €
Pass residenti Imola 4 € (comprende la visita ai tre musei coinvolti: Museo San Domenico, Palazzo Tozzoni e Rocca Sforzesca).
Per riduzioni e gratuità consulta la pagina visita

Eventi correlati

Chiude al pubblico la Rocca Sforzesca dal 1 marzo 2024

News

Nuove visite guidate alla mostra “Bertozzi & Casoni. Tranche de vie” a Palazzo Tozzoni

News

La mostra “Bertozzi & Casoni. Tranche de vie” proroga!

News

Museo San Domenico

venerdì 15-19
sabato 10-13, 15-19
domenica 10-13, 15-19

Rocca Sforzesca

 

 

Temporaneamente chiusa

Palazzo Tozzoni

venerdì 15-19
sabato 10-13, 15-19
domenica 10-13, 15-19